Inno all'amore
"La tempesta può distruggere il tuo castello con tutti i tuoi sogni ,e i progetti , ma la tempesta non può e mai potrà distruggere l'amore perchè esso e divino e come tale vola alto nei cieli senza fine ne limiti, nei cieli dove un giorno tutti andremo e dove più nessuna tempesta potrà distruggere i nostri sogni ,e i nostri progetti."
Mauro
by jho

"Non pentirti di chi hai amato nel passato ed ora è finita, perchè in quel momento in cui eri innamorato eri.......felice!!"
Jho
by AnonimoNapoletano

La via del cuore è inspiegabile
percorre strade alternative alla nostra ragione
e pur sapendo che sono strette e vicoli ciechi
ci passeggiamo con gioia
consapevoli delle sofferenze che ci arreca .
Un ‘ altra tacca nell‘anima segna una storia vissuta
un altro GRANDE AMORE rimane un ricordo.

by topwind51

Se d'amore parli
non v'è passato o presente
ma solo essere che aspetta un futuro.
L'amore vero non finisce, ma resta
e vive attimo dopo attimo la tua esistenza
riscaldando tumultuosamente il cuore nella triste ragione.
Di che pentirsi dunque
di avere nell'animo un pensiero amico che aiuta ?
di avere in se la felicità d'allora solo tua ?
di avere un lume che schiara la via futura ?
rasserenati, fuga le nubi
e volgi lo sguardo
e scopri intorno i mille colori
perchè la gioia è in te
e attende soltanto che la tua voce
ridoni forza ai cuori.
ciao Jho

Udii i vecchi, molto vecchi, dire:
"Ogni cosa si muta,
E noi uno per uno scompariamo!".

Avevano le mani come gli artigli, e le ginocchia
Contorte come i vecchi pruni
Presso le acque.

Udii i vecchi, molto vecchi, dire:
"Tutto ciò che è bello trascorre
Come le acque".

by jho
I vecchi dopo una lunga vita di gioie e di affanni possono finalmente vedere la realtà della vita, così come è, non esiste più l'inganno della giovinezza ed il falso miraggio dell'immortalità, tutto passa e scorre come le acque del fiume che ormai non possono più seguire se non con gli occhi....
Jho

by AnonimoNapoletano

Un giorno per lei raccolsi un fiore
e un brivido profondo mi pervase
Altri giorni raccolsi fiori ma non fu lo stesso

Una sera insieme osservammo la luna
e una magica emozione si librò nell’etere
Altre sere la guardammo ma non fu lo stesso

Passeggiando mano nella mano lungo il mare
sembravamo fonderci con esso
Ma altre volte non furono così

Imparai che le cose belle durano un attimo
e che non dovevo viverle nel rimpianto
ma custodirle nel mio cuore
nel vivo ricordo di esse
Perché potessero esistere in eterno

 

by Jho

 

L'eternità di un attimo su questa terra non esiste perchè quando lo vivi ecco in quel momento è già passato, è vero ti rimane il ricordo forse felice di allora, ma troppi sono poi gli attimi e i ricordi di infelicità che sono susseguiti a quel breve momento e a nulla vale il rimpianto se non a soffrire ancor di più e allora forse comprendi, che tutto nella vita irrimediabilmente...scorre!
Jho


 

by topwind51

hai forse scordato il linguaggio una volta imparato o forse non corri più dopo aver imparato a camminare ?
e smetti di mangiare il giorno dopo il lauto pranzo del giorno precedente ?
perchè dunque le gioie dell'animo dovrebbero scorrere ed obliarsi se in realtà fanno di te un essere più vecchio ma anche più perfetto di prima, ovvero hai colmato con gioie del passato vuoti che non conoscevi e sei più pacata per accettare gioie nuove ricca dell'amore ricevuto.
sorridi al tempo che scorre e tempo avrai per gioire; non in anticipo, non in ritardo ma quando è necessario l'animo si apre alla gioia.
Il vecchio non è disilluso, ne' ha perso speranze, è solo meno bramoso e più paziente perchè l'esperienza insegna ad accettare il bene anche nel dolore ed ogni alito di vita è un giorno in più per imparare ad amare.

by AnonimoNapoletano

Quel che è

E' assurdo
dice la ragione
E' quel che è
dice l'amore.

E' l'infelicità
dice il calcolo

Non è altro che dolore
dice la paura

E' vano
dice il giudizio

E' quel che è
dice l'amore

E' ridicolo
dice l'orgoglio

E'avventato
dice la prudenza

E' impossibile
dice l'esperienza

E' quel che è
dice l'amore.

(Erich Fried)

by jho
Per il mio cuore basta il tuo petto,
per la tua libertà bastano le mie ali.
Dalla mia bocca arriverà fino al cielo
ciò che stava sopito sulla tua anima.
E' in te l'illusione di ogni giorno.
Giungi come la rugiada sulle corolle.
Scavi l'orizzonte con la tua assenza.
Eternamente in fuga come l'onda.
Ho detto che cantavi nel vento
come i pini e come gli alberi maestri delle navi.
Come quelli sei alta e taciturna.
E di colpo ti rattristi, come un viaggio.
Accogliente come una vecchia strada.
Ti popolano echi e voci nostalgiche.
Io mi sono svegliato e a volte migrano e fuggono
gli uccelli che dormivano nella tua anima.
(Pablo Neruda)

by Jho


Il più bello dei nostri mari
è quello che noi navigammo.
Il più bello dei nostri figli
nn è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.
(Nazim Hilmet)

by AnonimoNapoletano

Un giorno un gabbiano si posò sulla mia spalla,
si intrattenne per un po’ e mi raccontò di se,
il suo eterno migrare,
non riuscire a colmare il vuoto che
senza tempo né preavviso si manifestava
nella propria anima come ombra che toglie il respiro.
Non poté contenere una lacrima
il pensiero rivolto a tutto ciò che è bello
e che tutto scorre e nulla è per sempre.
Come trattenere per sempre un momento felice?
A dire il vero io una risposta non l’ avevo,
cosa dirgli allora?
Mi venne in mente di accompagnarlo in un luogo dove ogni cosa è bella,
e smisi di far scorrere tutte le cose , imprigionando in lui quell’ attimo felice,
ma a nulla servì perché quella felicità non aveva più senso di essere.
Rassegnato mi salutò ed andò via.
In un altro tempo tornò e mi disse di aver compreso,
la felicità non la doveva cercare negli altri o nelle circostanze
ma il tutto era dentro di sé,
e mi portò ad esempio l’ amicizia che avevamo instaurato
gli aveva attraversato il cuore lasciandogli un’emozione
da portare sempre con sé in volo
e che non l’ avrebbe mai più lasciato in solitudine.
Ora fui io a non poter contenere una lacrima,
ma in pura espressione della mia infinita felicità.

by jho

Se fossi un gabbiano, volerei alto verso cieli limpidi e tersi, dove l'aria è rarefatta ma pungente, dove non vi è alcuno se non la trasparenza dell'aria, dove si ode solo il sibilo del vento, e mi lascerei trasportare dalle "vibrazioni" del volo nel mio eterno migrare!
Jho

by topwind51


Leggenda di Natale
Fabrizio D'Andre'

Parlavi alla luna giocavi coi fiori
avevi l'età che non porta dolori
e il vento era un mago, la rugiada una dea
nel bosco incantato di ogni tua idea

E venne l'inverno che uccide il colore
e un Babbo Natale che parlava d'amore
e d'oro e d'argento splendevano i doni
ma gli occhi erano freddi e non erano buoni
ma gli occhi erano freddi e non erano buoni

Coprì le tue spalle d'argento e di lana
di perle e smeraldi intrecciò una collana
e mentre incantata lo stavi a guardare
dai piedi ai capelli ti volle baciare
dai piedi ai capelli ti volle baciare

E adesso che gli altri ti chiamano dea
l'incanto è svanito da ogni tua idea
ma ancora alla luna vorresti narrare
la storia di un fiore appassito a Natale
la storia di un fiore appassito a Natale.

by AnonimoNapoletano

Il tempo è sempre meno
e avrei mille cose da dirti
e mille ancora non ti direi.
Eppur dalla mia bocca non sarà
pronunciata alcuna parola.
Cuore ribelle lasciami in pace
fa che la mia anima soccombi
alle catene delle mie paure.

E amore segreto sia per sempre.

by Teo

COLOR DI LUCE

Una gelida ombra insegue i miei passi
stanchi, e il profumo estasiante di Eolo
si impossessa delle mie carni, fino a
sfibrarmi! No! Perché lo fai?
Inebriami della tua luce, tessi
mollemente le fila della tua luminosa
pelle, calice piangente, pesca dissetante.
Circondami della purezza del tuo nettare
e sorridi insieme a me! Come il vetro
che, colpito da un ruvido sasso, si frantuma
in mille pezzi, così lacrime nere colano
dal tuo volto in una valle arida e pensante.
Mi avvicino a te con la dolcezza di un gatto,
timoroso ma voglioso di essere amato,
e con la malizia del gabbiano imperatore,
piume purificate dall’acqua del tuo cuore.
Il dio Cromo mi abbaglia: il rosso
di una rosa, la luce di un giglio.
Sprofonda tra le mie braccia, Ofelia piangente!
Saziati di un cuore mai domo di amare!
Le tue dita leggere, come petalo tremolante
scivolano come pioggia di aprile lungo la mia schiena,
e quel lenzuolo di seta fresco di sole
protegge le nostre anime e intiepidisce
i nostri baci. Amami, per come sono...

by AnonimoNapoletano
Solitudine

Quando non accetti il compromesso
quando la realtà attorno
ti appare meschina,
quando ti ribelli a certi schemi
e ricerchi la verità
allora è solitudine.
(Anna Costa)

by topwind51

Un walzer di Chopin riempie la sala
una danza selvaggia e scatenata.
Alla fine pallido chiarore,
il pianoforte adorna un'apassita ghirlanda.

Il piano tu, il violino io,
così suoniamo e non smettiamo
e attendiamo inquieti, tu e io,
chi per primo spezza la magia.

Chi per primo interrompe il ritmo
e scosta da sè le candele,
e chi per primo pone la domanda,
a cui non vi è risposta.
H. Hesse

by topwind51

Vivrò fra i miei tormenti e le mie cure,
Mie giuste furie, forsennato, errante;
Paventerò l'ombre solinghe e scure,
Che 'l primo error mi recheranno inante;
E del sol che scoprì le mie sventure,
A schivo ed in orrore avrò il sembiante:
Temerò me medesimo, e, da me stesso
Sempre fuggendo, avrò me sempre a presso.
LXXVII GER.LIB. ARIOSTO

by Gianluca,Lacomet...sangi...slade...e tanti altri

Alle nozze sincere di due anime
impedimenti non so. Non è amore
l'amor che muta se in mutare imbatte
o, rimovendosi altri, si rimuove,
oh no: è faro che per sempre è fisso
e guarda alle bufere non dà crollo,
amore, è stella ai vaganti navigli,
nota in altezza, nel valore ignota.
Non è zimbello al tempo, s'anche a teneri
labbri s'incurva quella falce e chiude,
non tramuta con l'ore e i giorni brevi
ma inoltra sino all'estrema sventura.

Se errore è questo, e su di me provato,
io mai non scrissi, e mai nessuno ha amato.

sonetto n. 116 W.Shakespeare

by jho


Se proprio devi odiarmi
fallo ora,
ora che il mondo è intento
a contrastare ciò che faccio,
unisciti all'ostilità della fortuna,
piegami
non essere l'ultimo colpo
che arriva all'improvviso
Ah quando il mio cuore
avrà superato questa tristezza.
Non essere la retroguardia di un dolore ormai vinto
non far seguire ad una notte ventosa
un piovoso mattino
non far indugiare un rigetto già deciso.
Se vuoi lasciarmi
non lasciarmi per ultimo
quando altri dolori meschini
avran fatto il loro danno
ma vieni per primo
così che io assaggi fin dall'inizio
il peggio della forza del destino
e le altri dolenti note
che ora sembrano dolenti
smetteranno di esserlo
di fronte la tua perdita."
(Un sonetto di William Shakespeare)

by Isabel

"Sopra la marea dell'oblio c'è un molo
e alcuni pochi incancellabili vi sono alzati-
anzi-vi si alzano-la fama non ha braccia-
e un sorriso solo-che ogni consolazione immiserisce"

by Viky


"Pensa al tempo passato benevolmente-
ha senz'altro fatto il suo meglio-
con che dolcezza il sole tremulo affonda
nell'occidente della natura umana".

 

Pensieri e Poesie... (pag. 2)